Truffe bancarie e criticita’ dei mercati finanziari – di Alessandro Carulli

L’approccio agli investimenti alternativi prende spunto da alcuni tratti, non certo piacevoli, che caratterizzano spesso l’ambiente bancario e i mercati finanziari. Primo fra tutti quello del “trasferimento di ricchezza”, piuttosto che della creazione di valore. Di recente anche quello delle truffe bancarie.

Investimenti rischiosi

A voler essere generoso, potei dire che il mercato finanziario, dominato dalle Banche e dalle SGR, sempre meno referenti esclusivi per consigli su come investire il proprio patrimonio finanziario, ha diverse criticita’.

I risparmi vengono “erosi” di anno in anno dall’industria bancaria e da quella del risparmio gestito (SGR).

Si pagano laute commissioni e ci assume rischi, per lo piu’ a perdere, accattivati da promesse di lungo termine, mentre la controparte si gode i benefici nell’immediato.

In altre parole, paghi il certo oggi per un risultato incerto domani.

La controparte, al contrario, incassa il certo oggi a prescindere dal fatto se ci sarà’ o meno un risultato finanziario positivo per il Cliente.

E’ triste ma spesso e’ cosi!

E la voracità’ aumenta sempre di piu’.

I promotori finanziari, molto spesso, operano in condizioni di conflitto di interessi. Peraltro quelli competenti sono una minoranza.

Cio’ non bastasse, si assiste frequentemente al collocamento, da parte delle banche, di prodotti molto rischiosi all’insaputa dei Clienti, nonché’ a numerosi casi di vere e proprie truffe bancarie.

Le banche sono fortemente indebitate e non svolgono piu’ la funzione economica sociale per la quale sono state regolamentate, ovvero raccogliere risparmi ed erogare credito. Al contrario, raccolgono risparmi e decurtano commissioni. E le imprese non ricevono piu’ credito.

Per un “case” potete consultare l’articolo del Dr. Alessandro Carulli sul Nuovo ruolo delle Banche, riportato dal quotidiano “Il Sole 24 Ore”.

Non solo truffe bancarie. Le criticita’ dei Titoli di Stato e del Mercato azionario.

I risparmi finanziano il debito pubblico di uno Stato che spende sempre di più e male, spesso per interessi di lobbies piuttosto che per interessi collettivi. Peraltro, si consideri che il rendimento offerto, oggi giorno, e’ negativo.

Quindi, risultati prossimi allo zero, e spesso negativi, per rischi che aumentano.

La gran parte delle Societa’ quotate in borsa sono oramai mature, e le quotazioni delle loro azioni e’ solo il risultato dei massicci acquisti da parte degli investitori Istituzionali, obbligati a comprare e, quindi, sostenere i prezzi, e di Robots che fanno Tradindg.

Quanto agli investimenti immobiliari in Italia, oltre all’abbondante offerta e al fatto di essere continuamente tassate, sono sempre piu’ oggetto di attenzioni da parte dello Stato per il calcolo di una patrimoniale.

Ecco perche’ le Persone diversificano sempre di più sugli investimenti alternativi.

Alessandro Carulli

Lascia un commento

Torna in alto